Venise la nuit (Rêve), Venezia di notte (Sogno) – Edmond e Jules de Goncourt

Venise la nuit (Rêve)
Venezia di notte (Sogno)

Edmond e Jules de Goncourt

goncourt

A cura di Carlo Alberto Petruzzi

In copertina: illustrazione di Margarita Fjodorova

ISBN 978-88-32163-13-1

12 €

FranciaItalia

Nel racconto si concentrano riferimenti storici, letterari, pittorici, relativi a Venezia che volutamente confondono epoche storiche nel tentativo di costruire una dimensione onirica del testo che risulta già annunciata dal sottotitolo. Nonostante la complessità di una narrazione che procede per sequenze staccate ed anticipa alcune istanze surrealiste, Venise la nuit rappresenta uno straordinario esempio della produzione letteraria dei fratelli Edmond e Jules de Goncourt, prima che questa si orienti verso i temi sociali di Germinie Lacerteux (1865) la cui prefazione è considerata il manifesto del Naturalismo.

Edmond (1822-1896) e Jules (1830-1870) de Goncourt furono due scrittori e collezionisti francesi. Autori di numerosi romanzi scritti a quattro mani, ascrivibili alla corrente del Naturalismo. L’Académie Goncourt, che premia ogni anno un’opera in lingua francese, fu istituita per testamento alla morte di Edmond.

Leggi l’articolo di Robinson Libri, la Repubblica, 5 giugno 2021
Leggi l’articolo di Filippomaria Pontani, Il Fatto Quotidiano, 3 giugno 2021

Acquista

Allen Ginsberg, Venice, 1957.

Allen Ginsberg
Letter from Allen Ginsberg to Eugene Brooks
July 15, 1957 

With an afterword by Bill Morgan 

75€

buy Green
buy Pink
buy Orange

This limited edition has been produced by the publishing house Damocle Edizioni – Venice
in 99 numbered copies on Papermilk 140 gr. paper by Cartiera Cordenons.
The printing was made by Margarita Fjodorova and Pierpaolo Pregnolato
with a Saroglia press, polymer plates, wooden and metal typefaces. 

In 1957, when he was thirty years old, Ginsberg made his first visit to Europe. When he left home he was an unknown poet, having published only a handful of poems in obscure little magazines. When he returned a year later, he was world famous as the author of the collection of poems “Howl And Other Poems”. After stopping in Morocco to visit with his old friend, William S. Burroughs, Allen and Peter Orlovsky continued on to Spain, France, and finally Italy where they settled down to stay with Alan Ansen for a few months. They had met Ansen in New York City a decade earlier when he was working as W.H. Auden’s secretary. Ansen himself had just been in Tangier with Jack Kerouac helping Burroughs put together the manuscript for Naked Lunch. Ginsberg and Orlovsky stayed with Ansen at his apartment in Venice for much of the summer and it was during this period that Allen wrote many letters including this one to his brother, Eugene Brooks, back in New York. [Bill Morgan]

Bill Morgan is an archivist, writer, and editor, who has written and edited more than forty books dealing with the Beat Generation. Among them are I Celebrate Myself: The Somewhat Private Life Of Allen Ginsberg; The Typewriter Is Holy: The Complete, Uncensored History Of The Beat Generation; and The Best Minds Of My Generation: A Literary History Of The Beats. He has continued to work as an archivist working with literary figures like Arthur Miller, Lawrence Ferlinghetti, and Oliver Sacks. This work was conceived while in residence with the Emily Harvey Foundation in Venice and it to them that this book is dedicated. 

Bill Morgan is an archivist, writer, and editor, who has written and edited more than forty books dealing with the Beat Generation. Among them are I Celebrate Myself: The Somewhat Private Life Of Allen Ginsberg; The Typewriter Is Holy: The Complete, Uncensored History Of The Beat Generation; and The Best Minds Of My Generation: A Literary History Of The Beats. He has continued to work as an archivist working with literary figures like Arthur Miller, Lawrence Ferlinghetti, and Oliver Sacks. This work was conceived while in residence with the Emily Harvey Foundation in Venice and it to them that this book is dedicated. 

The New Venice Haggadah

The New Venice Haggadah

The artists
Jacqueline Nicholls, Andi Arnovitz, Josh Baum, Yael David-Cohen,
Nathan Gotlib, Sophie Herxheimer, Kyra Matustik, Hillel Smith.

Translator: Marc Michael Epstein
Edited by: Shaul Bassi & Pierpaolo Pregnolato

A project of
Beit Venezia. A Home for Jewish Culture

Hebrew English parallel text

ISBN 978-88-32163-16-2
25 €

BUY

This lavishly illustrated Haggadah, the beloved Jewish book read around the Seder table on Passover eve, celebrates the creative legacy of the Ghetto of Venice. Founded in 1516 to confine the Jews, the Ghetto became the home of a vibrant community of people from Italy, Germany, Spain and the Levant. It made Venice the capital of Jewish publishing, with the first complete Talmud, Torah commentaries, mysticism and, in 1609, a famous Haggadah printed in several languages reflecting the diversity of the Ghetto’s Jewish communities. To mark the Ghetto quincentennial, Beit Venezia, the international center for Jewish Studies in Venice, invited eight Jewish artists from all over the world to design a new Venice Haggadah, after a full immersion in the city and a residency at the Scuola Internazionale di Grafica. The twenty-four beautiful etchings, first exhibited at the Jewish Museum of Venice, offer a unique visual commentary on the Hebrew text, accompanied by a new English translation intended to invite discussion and interpretation. The New Venice Haggadah is informed by the spirit of the “original” while being consummately fresh, contemporary and innovative.

Chodasevič – НОЧНОЙ ПРАЗДНИК (Письмо из Венеции) / Festa notturna (Lettera da Venezia)

НОЧНОЙ ПРАЗДНИК (Письмо из Венеции) / FESTA NOTTURNA (Lettera da Venezia)

Владислав Ф. Ходасевич – Vladislav F. Chodasevič

Traduzione e introduzione
di Maria Emelianova

ISBN 978-88-32163-15-5
10 €

Italia

Questo breve racconto è stato scritto nell’estate del 1911, durante il primo soggiorno in Italia di Vladislav Chodasevič (1886—1939). La riflessione dell’autore spazia verso quel passato di ricchezza culturale e artistica del popolo italiano che ha affascinato e ispirato generazioni di intellettuali russi. Passato che per Chodasevič è stato dimenticato dall’italiano moderno, e la cui pallida imitazione viene svenduta per poche lire a folle di turisti. Il racconto contiene una fotografia dinamica di Venezia di inizio Novecento: il turismo parte dalle spiagge del Lido e i segni del crollo del campanile sono ben visibili in piazza San Marco. Eppure è difficile, leggendo il testo più di un secolo dopo, non estendere le parole di Chodasevič verso i giorni nostri. Nonostante l’umorismo amaro che pervade la descrizione della festa, nelle righe finali l’autore esprime solidarietà con i veneziani e sembra suggerire che la memoria e la cura del patrimonio del passato siano condizioni necessarie per vivere un presente dignitoso, nel rispetto del dono della bellezza che da sempre colpisce gli artisti russi in visita in Italia. [dall’introduzione di Maria Emelianova]

Vladislav Felicianovič Chodasevič nacque a Mosca nel 1886. Dopo l’emigrazione a Berlino (1922), ha vissuto a Praga, Parigi e fu ospite di Maksim Gor’kij a Sorrento. Uno dei protagonisti della poesia russa del primo Novecento, Chodasevič fu autore di cinque raccolte, tra cui La Pesante Lira (1923) e La Notte Europea (1927), ma anche di memorie (Necropoli, 1936) e di studi sui poeti russi. Morì a Parigi nel 1939.

Leggi l’articolo di Giuseppe Condorelli, Le monde diplomatique, 15 marzo 2021
Leggi l’articolo di Giordana Carbone, Russia in Translation, 11 marzo 2021
Leggi l’articolo di Lucia Bellinello, Russia Beyond RBTH, 15 febbraio 2021
Leggi l’articolo di Luigi Mascheroni, il Giornale, 31 gennaio 2021
“Tutto viene terribilmente bello”. Vladislav Chodasevič a Venezia, Pangea, 29 gennaio 2021

Acquista il libro dal sito Damocle

Henry James – Il carteggio Aspern

IL CARTEGGIO ASPERN
Henry James

ISBN 978-88-32163-22-3
12 €

Pubblicato originariamente su The Atlantic Monthly nel 1888, Il carteggio Aspern (The Aspern papers) è un racconto ambientato nella Venezia di fine ‘800, basato su un aneddoto che James registrò nei suoi Taccuini riguardo ad un ammiratore di P. B. Shelley, che provò a impossessarsi di alcune lettere del poeta inglese da un’amante di Byron, Claire Clairmont, sorellastra di Mary Shelley.

Henry James è considerato il più importante romanziere nordamericano di fine Ottocento, nipote di un immigrante irlandese, nacque a New York il 15 aprile 1843; morì a Londra il 28 febbraio 1916.

Acquista il libro dal sito Damocle